Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per analizzare l’andamento delle visite (in forma anonima e aggregata), per migliorare la navigazione e per collegarti ai tuoi canali social. Se vuoi approfondire l’utilizzo dei cookie in questo sito, clicca sul bottone informazioni. Cliccanndo su OK o continuando a navigare nel sito, acconsenti all’uso dei cookie in esso utilizzati.

Giovedì, Novembre 21, 2019

Conversazione col sig. Rayet

Stampa Email

Conversazione col sig.re Rayet [1]

A poco si riduce la parte teorica vedi fig.ra I quando si produce un centro di depressione le curve di egual pressione si formano intorno ad esso e la pressio[ne] cresce a misura che le curve si allonta[na]no da lui; i venti girano intorno ad esso presso che tangenti alle curve, per lo più il cielo è coperto o piovoso al centro di depressione e ciò può essere una delle cause che mantiene tangenti alle curve i venti (Vedi fig. II). Quando piove l'aria sfugge tutto all'intorno, si formerebbero dunque dei venti che partirebbero dal centro di depressione, e questa tendenza forse componendosi con la tendenza dell' aria ad affluire verso il centro di depressione potrà coadiuvare il movimento tangenziale. Questi centri di depressione potrebbero considerarsi, (fig III) come prodotti dalla forza centrifuga dei movimenti tangenziali, le correnti opposte degli alisei producono tali movimenti vorticosi i quali, con la depressione barometrica che formano al loro centro, si propagano per lo più in un modo assai regolare in Europa.

Trasportati dal vento SO che domina nell'atlantico attraversano l'isole Britanniche e giungo[no] alla Svezia, (fig IV) da dove risentono l'influenza del vento NE dominante nel continente discendono attraversando la Russia verso il Mar Nero;

percorrendo così una specie di parabola: talora questo c[am]mino è più meridionale. La legge della rotazione dei venti di Dove risulta evidentemente nel senso indicato, per tutti i paesi posti al di sotto della traiettoria del centro di depressione - ci[o]è verso il mezzogiorno - ruoterebbe inversa per i paesi nordici. Per giungere a farsi idea della posizione del centro di depressione, bisogna tracciare le curve di ugual pressione, cosa alla quale si giunge interpolando graficamente tali curve ai dati dell'osservazione. Le stazioni meteorologiche di Francia hanno un barometro Fortin, un psicrometro, un pluviometro, una ventarola. Gli osservatori sono impi[eg]ati telegrafici i quali fatta l'osservazione alle 7 della mattina la trasmettono immediatamente per telegrafo a Parigi. Le osservazioni estere giungono avanti le 11 tutti i dispacci son ricevuti all'osservatorio tutti i dati son rappresentati immediatamente con segni su una carta di Europa. A mezzo giorno parte la predizione. Sulla carta le altezze barometriche sono segnate ridotte al livello del mare. Molte eccezioni occorrono per l’orograf[ia] del continente nella Manica per esempio il movimento dell'aria si fa più facilmente seguendo il movimento dell'acqua e il vento è specialmente SO, nella valle del Rodano il vento si fa SS[0] e SSE a seconda della posizione d[el] centro di depressione (fig IIII), Quando si verifica un innalzamento del barometro sulle coste occidentali di Francia e una depressione in Dalmazia a Livorno il vento è OSO ma presto suole divenire N. Attraversando il continente il turbine talora si altera di modo che le previsioni sono assai sicure in Inghilterra e sulle coste occidentali di Franci[a] e perdono della loro probabilità sul baltico e peggio ancora su mar nero. Le Alpi avranno influenza giacché le predizioni non riescono troppo per l'Italia. Il Centro di Depressione scende talora da N a S fra l'Inghilterra e il continente allora si produce forti tempeste sulla Manica ma non sulle coste d'Italia. Le probabilità hanno valore specialmente quando indicano una gran tempesta o un bellissimo tempo e si verificano in tali casi quasi sicuramente. Una sola Nazione non può disporre di per sé stessa dei dati necessari per fare il presagio. A Parigi non vengono osservazioni dall'A[l]geria per l'interruzioni dei cavi. (fìg V) Nell'andamento ordinario del turbine le tempeste son più violente al sud perché i venti si sommano col trasporto della depressione centrale, mentre al N si sottraggono. Il barometro risente l'approssimarsi di un turbine prima degli altri strumenti, la pressione trasmettendosi prima del movimento; nell'inverno specialmente il termometro quando monta indica un vento SO, e va così in senso contrario al barometro. Avanti di pubblicare le predizioni all'Osservatorio di Parigi fecero un anno di studio.

[1] la grafia è quella di Giacinto Pacinotti, ndr

villa pacinotti

Un'oasi di tranquillità nella campagna toscana

tel:  +39 057343473

cell.: +39 3475840382

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

info e prenotazioni: contattaci

Benvenuti

Se siete qui, almeno virtualmente, siete mossi dalla curiosità di saperne di più su questa realtà …

Capita che chi viene a trovarci per la prima volta esclami “questo è un piccolo paradiso!”...

Leggi...

Social

Follow Us

sconto soci tci

sconto Biocard

10% di sconto presso di noi

ed in altre 580 attività bio come noi