Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per analizzare l’andamento delle visite (in forma anonima e aggregata), per migliorare la navigazione e per collegarti ai tuoi canali social. Se vuoi approfondire l’utilizzo dei cookie in questo sito, clicca sul bottone informazioni. Cliccanndo su OK o continuando a navigare nel sito, acconsenti all’uso dei cookie in esso utilizzati.

Venerdì, Novembre 15, 2019

Il viaggio del giovane Antonio - 21

Stampa Email

 Riassunto delle puntate precedenti: Antonio Pacinotti, accompagnato dal fratello Giacinto, intraprende un viaggio a Parigi, Londra e Bruxelles per documentarsi suli Servizi  Meteorologici di quei paesi, su incarico di Carlo Matteucci. A Parigi il direttore del servizio, il prof. Le Verrier, si rifiuta di riceverlo in quanto inviato dal Matteucci. Questi fa allora spedire una lettera dal Ministero della Marina che attesti che Pacinotti è stato incaricato dallo stesso Ministro. La lettera Ministeriale tarda ad arrivare, per cui Antonio e Giacinto, dopo aver visitato laboratori ed officine, decidono di partire per Londra. Giunto a Londra, Antonio Pacinotti prende contatti con la ditta Negretti & Zambra, produttrice di strumenti meteorologici e con Mr Babington, responsabile per la meteorologia dell'Osservatorio presso il Board of Trade di Londra. Da quest'ultimo Antonio riesce ad ottenere in forma scritta le informazioni che gli interessano. Conclusi gli adempimenti legati alla "missione meteorologica", l'11 agosto i fratelli Pacinotti lasciano Londra diretti a Bruxelles dove giungono il 12. Visitato l'Osservatorio di tale città, diretto dal sig. Quetelet, ripartono subito per Parigi, che raggiungono il 14 agosto. Qui ancora una volta non trovano alcuna lettera Ministeriale, che giunge solo dopo l'intervento di Matteucci.

La tanto sospirata lettera Ministeriale finalmente è giunta e sembra sortire l'effetto desiderato: il "feroce" Le Verrier, come l'ha definito Giacinto Pacinotti, giunge a più miti consigli e, prima di partire per una vacanza in campagna, incarica il sig. Rayet, fisico aggiunto presso l'Osservatorio Imperiale di Parigi ed addetto al servizio meteorologico internazionale, di mostrare ad Antonio Pacinotti l'osservatorio e di illustrargli nel modo più dettagliato possibile l'organizzazione del servizio meteorologico.

Ma è sabato, e la visita deve quindi essere rimandata al lunedì pomeriggio ed ai giorni successivi ...

Antonio scrive la sera stessa a Matteucci aggiornandolo sugli sviluppi della situazione.

Di seguito riportiamo la trascrizione della minuta della lettera di Antonio a Carlo Matteucci e quella della lettera fatta pervenire all'indirizzo parigino di Pacinotti dal sig. Rayet. Fra le carte ritrovate nella Villa di Caloria vi è anche un biglietto da visita di Rayet, di cui pubblichiamo l'immagine, insieme a quella della sua lettera.

Chiarisssimo Sig. Prof.

Parigi 19 luglio[1] 1865

Ho ricevuto oggi la di Lei lettera ed ieri sera ebbi il di Lei dispaccio. Ieri ebbi anche una lettera del commendatore Nigra con la quale stamani sono andato allo osservatorio. Il guardia portone mi ha detto che il Sig.re Leverrier partiva nella mattinata per la campagna ma che gli avrebbe immediatamente dato la lettera che volevo fargli recapitare. Ho lasciato anche il mio indirizzo, e più tardi ho trovato a casa una lettera del sig.re Rayet nella quale mi diceva che lasciando Parigi il sig. Leverrier gli ha raccomandato di mostrarmi l'osservatorio e che voglia andarvi Lunedì o Martedì dopo le 2.
Ho cercato della traduzione del libro del Dove ed il sig.re Gautithier Villars, che non l'aveva in bottega, me la ha promessa per Lunedì. Non ho potuto trovare al Conservatorio d'arti e Mestieri il sig.re Bauguillon, perché non è più bibliotecario e si è ritirato in campagna. Cercherò di passare per Ginevra come mi dice e verrò a trovarla a Torino.
Intanto attestandogli la mia gratitudine per le premure che si prende per me mi dico __

[1] si tratta sicuramente di un errore; la data non può essere che 19 agosto 1865, come si ricava dalla successione degli avvenimenti

Observatoire Imperial                                                           Paris, le 19 aout 1865

Monsieur,
En quittant Paris Monsieur Le Verrier m'a recommandé de vous montrer l’observatoire et d'entrer avec vous dans les détails les plus circonstanciés sur notre organisation météorologique.
Les nécessités du Service ne me permettent pas de vous recevoir dans la matinée ; mais j'espère que vous pourrez venir à l’observatoire un des premiers jours de la semaine prochaine vers 2h. Je vous attendrai à cette heure lundi et les jours suivants.
Veuillez agréer, Monsieur, l’assurance de ma considération la plus distinguée

G. Rayet

Physicien adjoint à l’observatoire de Paris, chargé par interim du service météorologique international

Monsieur A. Pacinotti

Traduzione:

Signore,
Lasciando Parigi il Sig. Le Verrier mi ha raccomandato di mostrarvi l'osservatorio e di entrare con voi nei dettagli più circostanziati sulla nostra organizzazione meteorologica. Le necessità del servizio non mi permettono di ricevervi in mattinata; ma spero che possiate venire all'osservatorio nei primi giorni della prossima settimana, verso le 2 del pomeriggio. Io vi aspetterò a quell'ora lunedì e i giorni seguenti.
Vogliate accettare, Signore, l'assicurazione della mia più distinta considerazione

G. Rayet

Fisico aggiunto all'osservatorio di Parigi, con l'incarico ad interim del servizio meteorologico internazionale

Il seguito alla prossima puntata

villa pacinotti

Un'oasi di tranquillità nella campagna toscana

tel:  +39 057343473

cell.: +39 3475840382

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

info e prenotazioni: contattaci

Benvenuti

Se siete qui, almeno virtualmente, siete mossi dalla curiosità di saperne di più su questa realtà …

Capita che chi viene a trovarci per la prima volta esclami “questo è un piccolo paradiso!”...

Leggi...

Social

Follow Us

sconto soci tci

sconto Biocard

10% di sconto presso di noi

ed in altre 580 attività bio come noi