Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per analizzare l’andamento delle visite (in forma anonima e aggregata), per migliorare la navigazione e per collegarti ai tuoi canali social. Se vuoi approfondire l’utilizzo dei cookie in questo sito, clicca sul bottone informazioni. Cliccanndo su OK o continuando a navigare nel sito, acconsenti all’uso dei cookie in esso utilizzati.

Lunedì, Settembre 16, 2019

Il viaggio del giovane Antonio - 13

Stampa Email

Riassunto delle puntate precedenti: Antonio Pacinotti, accompagnato dal fratello Giacinto, intraprende un viaggio a Parigi, Londra e Bruxelles per documentarsi suli Servizi  Meteorologici di quei paesi, su incarico di Carlo Matteucci. A Parigi il direttore del servizio, il prof. Le Verrier, si rifiuta di riceverlo in quanto inviato dal Matteucci. Questi fa allora spedire una lettera dal Ministero della Marina che attesti che Pacinotti è stato incaricato dallo stesso Ministro. La lettera Ministeriale tarda ad arrivare, per cui Antonio e Giacinto, dopo aver visitato laboratori ed officine, decidono di partire per Londra. Giunto a Londra, Antonio Pacinotti prende contatti con la ditta Negretti & Zambra, produttrice di strumenti meteorologici e con Mr Babington, responsabile per la meteorologia dell'Osservatorio presso il Board of Trade di Londra. Con quest'ultimo emergono difficoltà di comunicazione per la limitatissima conoscenza dell'inglese da parte dei due Pacinotti.

Il 3 agosto del 1865 Carlo Matteucci torna a scrivere ad Antonio Pacinotti, facendo seguito alla lettera pubblicata nella precedente puntata, in cui dava indicazioni sulle domande da porre al sig. Babington, direttore dell’Osservatorio londinese. In questa lettera si raccomanda di raccogliere il maggior numero possibile di stampati in uso presso gli Uffici Meteorologici inglesi.

Essendo stato messo al corrente delle difficoltà di comunicazione con Mr. Babington, Matteucci suggerisce a Pacinotti di scrivere le domande in francese, accontentandosi di ottenere le risposte in inglese. La lettera giunge a Pacinotti quando il dialogo con Mr. Babington volge ormai al termine: vedremo che la soluzione adottata da Pacinotti è stata quella di scrivere le domande in inglese, traducendole con l’uso di un vocabolario dopo essersele appuntate in italiano: l’inglese che ne risulta è – per dirla con un eufemismo – del tutto approssimativo, ma Mr. Babington dimostra comunque di comprendere quanto richiestogli e risponde esaurientemente.

Una piccola nota: la lettera di Matteucci si conclude rammentando a Pacinotti “la commissione della Signora”, ossia per la moglie del professore, Robinia Young, per l’appunto  inglese. Non è dato sapere quale sia la “commissione” ma è facile immaginare che a ricordarla a Pacinotti sia stata proprio la signora Robinia: infatti la scrittura di questa lettera è proprio quella della moglie del professore.

Questo il testo  della lettera di Matteucci:                                           

3 Agosto 1865

Caro Tonino

Vi ho già scritto a Londra poste restante. Mi dispiace ciò che mi dite dei barometri Negretti; cercate pure di rimediare. Fate per ogni modo che la spedizione non sia ritardata di troppo. Pensate a star attorno al Babington e al Glaisher perché è necessario che torniate colle risposte che sapete dopo aver raccolto tutti quei moduli, prospetti ed altro che si usa negli Uffizi Meteorologici inglesi. Quanto al capire Babington cercate qualche intermediario: poi sono persuaso che se vuole discorrere in francese lo può andando adagio. Interrogatelo sulla legge di Dove della rotazione dei venti e scrivete sempre tutte le risposte. Non dimenticate di tornare per Parigi dove credo sicuramente che Le Verrìer vi ammetterà all'Osservatorio. Appena arrivati a Parigi presentatevi alla Legazione italiana e chiedete del marchese Boyl — segretario al quale ho scritto per voi.

Devo dirvi che oramai temo di non poter andare più a Ginevra dal 20 al 22 Agosto per trovarmi al Congresso dove dev'essere il Dove, cosa che mi dispiace assai. Perciò importerebbe tanto più che ci foste voi. Fate bene i vostri calcoli e fateci entrare Parigi e l'Osservatorio. Coraggio, non vi perdete d'animo con Babington.  A mal andare, scrivete tutte le questioni in francese ed egli vi deve rispondere. Sopratutto mi raccomando perché vi portate via tutte le stampate.

Non dimenticate la commissione della Signora. Salutatemi il vostro fratello e credetemi

Aff

C Matteucci

Il seguito alla prossima puntata

villa pacinotti

Un'oasi di tranquillità nella campagna toscana

tel:  +39 057343473

cell.: +39 3475840382

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

info e prenotazioni: contattaci

Benvenuti

Se siete qui, almeno virtualmente, siete mossi dalla curiosità di saperne di più su questa realtà …

Capita che chi viene a trovarci per la prima volta esclami “questo è un piccolo paradiso!”...

Leggi...

Social

Follow Us

sconto soci tci

sconto Biocard

10% di sconto presso di noi

ed in altre 580 attività bio come noi